Vai al contenuto

La SISP piange il suo ex Presidente Giorgio Freddi

Se n’è andato Giorgio Freddi. Protagonista della Scienza Politica Italiana e della SISP, di cui fu Presidente tra 1992 e 1998.

PhD in Political Science a Berkeley, Freddi era tornato a Bologna ottenendo la libera docenza grazie ai suoi studi di amministrazione comparata – il suo primo volume Tensioni e conflitti nella magistratura è del 1977 – e contribuendo alla costruzione della facoltà (Scienze Politiche) e del Dipartimento (Organizzazione e Sistema Politico) con il maggior numero di incardinati in scienza politica. Studioso raffinato e instancabile motivatore, aveva aderito al consorzio del primo dottorato italiano della disciplina, e formato tanti giovani all’interno del suo Centro per l’Analisi delle Politiche Pubbliche. Sempre molto legato alla realtà americana – per anni fu visiting professor presso il Center for the Study of Democracy a Irvine – Freddi si era dedicato anche alla ricostruzione della scienza politica europea, diventando primo Presidente Italiano dell’European Consortium for Political Research.

Autore del primo fortunato manuale in lingua italiana di Scienza dell’amministrazione e politiche pubbliche (1989), Freddi ha contribuito in modo decisivo all’affermazione di queste discipline nei percorsi formativi e nella ricerca, fondando all’inizio del nuovo secolo la «Rivista Italiana di Politiche Pubbliche» (RIPP). Dopo il pensionamento non ha mai smesso di studiare – come mostra il volume del 2012 sulla riforma sanitaria di Obama – e soprattutto di motivare i tantissimi giovani studiosi attivi nella RIPP e nei policy studies.

Esprimendo cordoglio e vicinanza alla moglie Noretta e alla figlia Sandra, tutta la SISP ricorda il suo Presidente Giorgio Freddi con affetto e riconoscenza.