Sections and Panels

Section 4. Sistema politico italiano (Italian Political System)

Chairs: Marco Almagisti, Luca Verzichelli

La sezione ospita proposte di panel aperte ai più diversi criteri organizzativi: saranno considerati gruppi di papers fortemente ancorati ad un approccio teorico specifico o anche panel costruiti su un preciso oggetto di ricerca approcciato tuttavia da punti di vista diversi e attraverso strumenti metodologici alternativi. In un anno caratterizzato dalla persistente incertezza sull'assetto del sistema politico, e da appuntamenti istituzionali importanti a cominciare dalle nuove elezioni presidenziali imposte dalla decisione di Napolitano di dimettersi all'indomani della chiusura del semestre di presidenza Italiana dell'UE, è auspicabile una ampia offerta di proposte, comprendenti per esempio lo studio della dinamica degli attori istituzionali, il sistema partitico, le politiche pubbliche in agenda e il cammino delle riforme già adottate, il rapporto tra i poteri dello Stato e la politica locale. Accanto ai panel tradizionali, la sezione potrà ospitare, nel rispetto dei criteri e delle regole del congresso SISP, anche uno o più tavole rotonde basate su contributi più snelli e dialoghi tra studiosi ed opinion makers, anche in collaborazione con altre sezioni del congresso SISP, al fine di illuminare il pubblico della SISP sulle tendenze recenti della politica italiana, sulle evoluzioni teoriche e metodologiche della scienza politica in Italia e sulla comparsa di nuove domande di ricerca.
 

Panel 4.1 Partiti e politiche pubbliche in Italia. Lo stato della ricerca


Il panel intende sviluppare una riflessione sulla capacità dei partiti italiani di contribuire alla formulazione di alcune politiche pubbliche rilevanti nella fase storica più recente. L'idea centrale è quella di ridiscutere e rivedere le implicazioni delle ricerche condotte in passato sui modelli esplicativi del policy making in Italia (Dente e Regonini 1987; Dente 1990; Ferrera e Gualmini 1999) e in particolare di quelle dedicate alla crisi del governo dei partiti (Cotta e Isernia 1996; Di Palma, Fabbrini e Freddi 2000). Le ricerche più recenti sulle politiche pubbliche in Italia, dagli studi ispirati al comparative policy agenda project a quelli incentrati sull'analisi dei network e degli stili di policy, hanno messo in luce una serie di evidenze empiriche ed approcci innovativi. Tuttavia, una valutazione complessiva sulle potenzialità degli attori partitici e sul possibile adattamento delle classiche partisan theories nella ricostruzione della odierna politics del policy making in Italia sembra oggi necessaria. Al fine di creare le condizioni per una discussione ampia ed esaustiva, saranno considerate proposte molto diverse tra loro: sono infatti benvenuti papers su settori di policy specifici oppure analisi cross-settoriali, papers basati su analisi intensive e studi di caso oppure ricerche estensive e basate su dati quantitativi. L'elemento unificatore sarà comunque rappresentato dalla focalizzazione sulla trasformazione del policy making nel sistema politico italiano durante il periodo 1994-2015.

Chairs: Federico Toth

Discussants: Luca Verzichelli

Whispering in the ear of princes: advising prime ministers in Italy and Portugal (1998-2014)
Pellegrino Cammino (p.cammino@gmail.com)
AbstractParadigms of prime ministerial empowerment consider the growth of staffing arrangements within the chief executive as an indicator of the evolution of parliamentary democracies towards a more leader-centered model. As a resource, PM staffers and advisors perform a variety of tasks on behalf of their principal. In turn, they retain some resources, too. Whether and how they use them is a very sensitive matter, which is related to their recruitment and legitimation process and has to do with the role and influence of expertise and with the supposed end of party government. The institutionalization of prime ministerial offices does not necessarily respond to a process of presidentialization, though. The Italian and Portuguese cases show that personalization and leadership style surely matter but in a manner that is sometimes counter-intuitive. Context and institutions may have a bigger role in determining the level of formalization of the PM’s inner circle.
This paper tries to analyze the evolution of prime ministerial advice in the two countries throughout 15 years. The first part focuses on who are the Prime Minister’s personal counsellors by offering a portrait of such figures. In doing so, it draws on three different dimensions: background and political career, their mandate and personal relationships with the PM. The second part tries to assess differences in the organization and functioning of the PMs’ private offices. In particular, it adopts a neo-institutional perspective and exploratory network analysis to explain variation according to some personal, institutional and context-related variables

Welfare State and Political Parties in Italy: New Changes in the Italian Party System?
Giovanni Amerigo Giuliani (giovanniamerigo.giuliani@sns.it)
AbstractWelfare state and political party system are two research topics that have always been extensively investigated by scholars. From its origin and development, the welfare state has played a crucial role in shaping party competition, as it has constituted one of the basic ideological clash points on the left-right continuum. Nevertheless, in the last few decades we have observed drastic changes in the party system as class cleavage has lost its strength and new ones have emerged. At the same time, the status quo of the European countries’ welfare state has been challenged by new endogenous and exogenous pressures. The paper aims at probing to what extent internal and external pressures on the Welfare state – i.e. change in the economic, social and labour market structure - have affected the Italian Party System during the Second republic. Put in other words: to what extent have the partisan differences on social policy that characterized the immediate post-war decades been reduced or eliminated in the light of the new pressures on the welfare state? The study, on the one hand - employing Down’s spatial theory of voting, which conceptualizes political competition as position taking, re-examined by Stokes and Kitschelt-will investigate diachronically (from 1994 to 2013) whether and how exogenous and endogenous pressures on the welfare state have altered the “classic” parties positions – and therefore to a larger extent the party system - over the welfare issues along the classic Left- Right axis, but also including the so-called “Libertarian-Authoritarian” dimension. On the other hand, the work will probe the developments of electors’ positions over the welfare issues and assess the congruence or the incongruence between their positions and the party ones. From a methodological perspective, the work will try to bring the comparative historical analysis and the quantitative method into a mutual dialogue, combining Comparative Manifesto Dataset and mass surveys.

The contentious politics of social assistance and minimum income schemes. Evidence from Italy
Matteo Jessoula (matteo.jessoula@unimi.it), Ilaria Madama (ilaria.madama@unimi.it), Marcello Natili (marcello.natili@unimi.it)
AbstractSince the 1980s, politics matters has been key in interpreting welfare state developments and reforms adopted in core social policy areas such as pensions and health care. On the contrary, the political dimension of social assistance policies has received much less consideration. Narrow policy analyses have prevailed in a policy field that has long been considered residual and less contentious due to the selective nature of the programs, their limited impact on welfare budgets, the scarce power resources and weak political mobilization of the (would-be) beneficiaries. The politics of social assistance thus remains largely under-theorized (cf. Clegg, 2014). After reviewing the literature on the “politics of welfare”, the article aims at contributing to this strand of research by providing evidence of the contentious character of anti-poverty policies. We therefore drive the focus on the developments of social assistance policy in Italy in the period 1996-2011, in order to make sense of what we call the “Italian exceptionalism”: that is, the persistent lack of last-resort safety net for working-age individuals - in the form a fully-fledged Minimum Income Scheme (MIS) – which is not due, however, to political and institutional inertia but rather the result of an inconsistent policy trajectory with steps forward and policy reversals. In order to solve this puzzle, we argue that, differently from other European countries, political dynamics were extremely important in Italy with regard to both the introduction of a MIS and its continuation or termination. Going beyond the expected typical left parties vs. right parties divide, the article shows that the politics of MISs reveals more complex political dynamics, particularly within the center-right camp. Also, it suggests that in multi-party systems which reflect complex underlying political cleavages, the activation of tensions other than the class-based one should be explored when studying the politics of minimum income, since additional lines of conflict can be more salient in the field of social assistance than in other social policy sectors thereby rendering anti-poverty issues more politically contentious than expected.

From Public Opinion to Public Policy: Dynamic Agenda Representation in Italy
Francesco Visconti (francesco.visconti.83@gmail.com)
AbstractRecalling Birch Representative and Responsible Government, a government is responsible when is responsive to public opinion, when pursues policies that are prudent and mutually consistent, and when is accountable to the representatives of the electors. Hence, a principle of democratic government is that policy will be a function of opinion. Related research has shown varying degrees of responsiveness to public opinion both in terms of agenda prioritization and policy decisions of parliaments and governments in a variety of political systems. In this study of policy representation, I examine whether these results are robust when tested in a longitudinal design across multiple issues on the Italian political system. Indeed, the research question driving this work is the extent to which Italian public policy priorities influence legislative behaviour of Members of Parliaments and governments. The aim is to empirically test whether dynamic agenda representation is at work in the Italian context. This is done analysing time-series data from EUROBarometer surveys on public opinion policy priorities of Italian citizens from 2003 to 2013, and the policy agenda of government and MPs measured through the policy area addressed by bills.

 

Round table

Panel 4.2 Mutamenti del sistema politico. Prospettive di analisi




Participants: Roberto Cartocci, Damiano Palano, Guido Panvini, Luca Verzichelli

Chairs: Marco Almagisti

 

Panel 4.3 Dalle elezioni alle istituzioni regionali: come cambia la classe politica regionale? -Panel congiunto con Studi regionali e politiche locali- (I)


Il grande cambiamento politico e istituzionale che ha investito l’Italia negli anni Novanta ha avuto un impatto anche a livello regionale. Infatti, abbiamo assistito alla trasformazione delle istituzioni regionali dovuta al cambiamento delle regole del gioco volte a ridisegnare le modalità di selezione (Chiaramonte, D’Alimonte 2000; Chiaramonte, Barbieri 2007) e a ridefinire alcune delle funzioni degli organi regionali (Vandelli, Bassanini 2012). Inoltre, rilevanti trasformazioni hanno riguardato anche i sistemi di partito regionali che hanno portato a una mappatura almeno in parte inedita delle forze politiche presenti sul territorio (Vassallo, Baldini 2000; Diamanti 2003). A fronte di queste innovazioni sia di ingegneria costituzionale che politiche in senso stretto è lecito chiedersi se siano cambiati anche gli uomini e le donne che formano i Consigli e le Giunte regionali e se ci siano delle differenze o delle continuità tra la classe politica regionale in carica dagli anni Settanta alla prima metà degli anni Novanta (dalla I alla V legislatura) rispetto alla successiva (dalla VI alla X legislatura). Per rispondere a questi interrogativi è possibile servirsi di una duplice lente di analisi, da un lato quella relativa alle trasformazioni di breve periodo che derivano dalle dinamiche e dagli esiti delle competizioni elettorali su scala regionale, dall’altro quella che si focalizza sul cambiamento di lungo periodo che riguarda le trasformazioni relative all’accesso, alla circolazione e al ricambio della classe politica regionale dal 1970 in poi. Il panel si propone di mettere insieme le due prospettive, analizzando anzitutto le dinamiche e gli esiti delle elezioni regionali, con particolare interesse sul ciclo 2014-2015. Saranno, quindi, oggetto di interesse paper di singoli casi o studi comparati che riguardano la riconfigurazione dell’offerta politica; le caratteristiche e i temi della campagna elettorale; i meccanismi di selezione delle candidature e di costruzione delle alleanze; i processi di formazione delle Giunte. La seconda prospettiva, invece, si focalizza sulle caratteristiche della classe politica regionale sia in prospettiva diacronica che sincronica per capire se la Regione rappresenti lo sbocco politico-istituzionale di un ceto politico maturato a livello-locale, sia all’interno dei partiti, sia all’interno delle istituzioni sub regionali come dimostrerebbero le più recenti ricerche (Vassallo 2013; Bardi, Ignazi, Massari 2013). E qui saranno oggetto di particolare interesse paper di singoli casi o studi comparati che riguardano il problema del ricambio e quello delle carriere istituzionali e partitiche dei consiglieri e degli assessori regionali.

Chairs: Maurizio Cerruto, Selena Grimaldi

Discussants: Luca Verzichelli

Trasformismo in Italian regional assemblies: a systemic interpretation
Davide Gianluca Bianchi (davide.gianluca.bianchi@eupolislombardia.it)
AbstractAt the beginning of the 1990s, the system which had governed Italy since the rise – or even the return – of democracy at the end of the Second World War, entered into an irreversible crisis. To rebuild the relationship of trust between citizens and the political class, instead of the system of (partitocratic) proportionalism used in the “first phase” of the Italian Republic (up to 1992), the legislators took the option of shifting to majoritarian systems of election at every level of government in the political system. Regarding the municipalities, provinces and regions the combination of majoritarian electoral laws and devices aimed at encouraging institutional stability thus became generalized ; this was not the case for the national government, where the majority system used for the election of parliament – the first-past-the-post for 75% of seats and the (proportional) additional members system for the remaining seats, then the proportional system with majority premium – was not reflected in constitutional reforms aimed at strengthening the executive. As mentioned above, the institutional profile of regions was rather different: the decidedly majoritarian “Tatarella” electoral law was first approved in 1995, followed by the introduction of the direct election of presidents and, in 2001, the approval of the new Title V of the Constitution (which can also be read as the balance of "presidentialisation" of regional government). In terms of the institutionalization of majoritarian democracy, therefore, the national government and regional levels are placed at the opposite ends of the same continuum, in which institutionalization is medium-low in the former, while in the latter – the regions – it is high . If we refer to the views expressed by neo-institutionalist Robert D. Putnam in his classic Making Democracy Work: Civic Traditions in Modern Italy (1993), i.e. "institutions shape politics", and by doing so affect the behavior of actors, it is particularly interesting to analyse the two institutional contexts of political representation, and its peculiarities, in order to empirically verify the possible behavior asymmetries of political actors on the scene. Within this topic, "transformismo", in the sense of it being a unique feature of Italian political representation, is especially prominent. Moving on from how much may be known about trasformismo at parliamentary level, the paper would extend the study of the phenomenon to the regions, in an attempt to answer the following research questions: is there a different incidence of trasformismo in parliamentary and regional assemblies (as far as we know regarding the latter)? How can the possible variability of the phenomenon be interpreted, in relation to the most widely accredited interpretations which seek to explain trasformismo? Is there – or may there be – a different meaning in the transformistic action when this is located in different political and institutional contexts? i.e. the halls of Parliament on the one hand and the regional councils on the other, and in particular whether these institutional bodies are organized according to non-equivalent systemic models. The research would attempt to fill a gap in studies on the Italian political class and its characteristic behavior in institutional contexts where its role is carried out. The first reason which might explain this singular lack of scientific contributions regards the shortage of reliable information about the regional level of government; or rather, the data are available but most are lost in the archives of regional councils, since they have not been collected in a systematic way. Only three regions, through their associations of regional councilors, have created publications which systematically gather together the composition of the assemblies and the political life of the groups from 1970 to 2010. These regions are Emilia Romagna, Tuscany and Puglia. Specially researched data about Lombardy has been added to this limited sample regarding the same period. By so doing, information about four regions, whose combined populations exceed 20 million, has been gathered together. This sample would enable us to make sense of the main specificities of trasformismo at the regional level.

La selezione del personale politico. Le scelte del Pd per le elezioni regionali toscane 2015
Graziana Corica (graziana.corica@unifi.it)
AbstractDalle elezioni amministrative toscane del 2014 emerge un quadro politico caratterizzato dalla conferma del Pd al governo del territorio, grazie anche al successo dell’offerta elettorale proposta da Renzi, dalla progressiva disgregazione delle formazioni politiche di centrodestra e dai primi successi del Movimento 5 Stelle. Se questo è, in generale, il panorama politico locale, come si struttura l’offerta politica del Pd in vista delle elezioni regionali? Attraverso quali meccanismi è implementata la selezione del personale politico? E come si articolano i rapporti tra partito e candidati in un frame normativo mutato, con il ritorno delle preferenze? Il paper si confronta con questi interrogativi attraverso la disamina delle fonti di partito e la rassegna stampa dei principali quotidiani locali. I percorsi che conducono alla designazione di Enrico Rossi per la carica di presidente e alla formazione della lista degli aspiranti consiglieri sono esaminati considerando le regole formali, previste dai regolamenti e dallo statuto del Pd, e quelle informali, così come si delineano dalle ricostruzioni giornalistiche. In particolare, la composizione della lista Pd è analizzata alla luce dei rapporti inter-candidati e tra questi e i diversi livelli di partito impegnati nella selezione.

The political class of the Veneto region. Access, circulation and career from 1970 to 2015
Selena Grimaldi (selena.grimaldi@unipd.it)
AbstractThe Veneto has been depicted as an economic giant as well as a political dwarf, as the economic model of the Veneto emerged and flourished without any political planning or perhaps because of its absence. Starting from these considerations, this paper deals with the characteristics of the regional political class, pointing out three crucial moments in the process of consolidation of the political elite: the entrance to the pool of regional politicians, the circulation in the regional Assembly and regional government recruitment on the basis of an original dataset. The paper analyzes nine legislatures which are here divided into two phases (1970-1990 and 1995-2015) to make the impact that the political earthquake of the Nineties had on the regional political class clear. Did the collapse of the party system and the changes to the electoral rules produce a real change or just an adaptation in the nature of the political class?

La classe politica regionale in Calabria (1970-2014): come (non) cambia la classe politica regionale
Maurizio Cerruto (maurizio.cerruto@unical.it), Roberto De Luca (roberto.deluca@unical.it)
AbstractLa Regione Calabria si è trovata a dover anticipare di qualche mese, rispetto alla scadenza naturale della primavera 2015, l’elezione per il rinnovo del consiglio e della giunta. Come già successo in altre regioni, era stato l’intervento della magistratura a provocare il voto anticipato: il presidente della giunta regionale in carica, Giuseppe Scopelliti, era stato costretto alle dimissioni da una sentenza, in primo grado, di condanna a 6 anni e interdizione perpetua dai pubblici uffici per abuso d’ufficio nell’esercizio della carica di sindaco della città di Reggio Calabria. Per effetto della Legge Severino, Scopelliti sospeso per 18 mesi dal consiglio regionale, decide presentando le sue dimissioni da presidente di far decadere giunta e consiglio. Lo scioglimento anticipato ha preso in contropiede i consiglieri che avevano l’obbligo di adeguare lo statuto – e, conseguentemente, la legge elettorale – alle norme statali in materia di riduzione del numero dei membri del consiglio medesimo. La riduzione alquanto drastica del numero dei consiglieri da 50 a 31 lasciava presagire una lotta all’ultimo voto fra i candidati, in particolare, tra i consiglieri uscenti ricandidatisi in conseguenza della maggiore visibilità ottenuta sul territorio della circoscrizione per la loro attività istituzionale. In questo paper vengono proposti alcuni elementi di analisi dell’esito della consultazione elettorale e, soprattutto, della fisionomia della classe politica regionale calabrese prendendo in considerazione indicatori relativi ai processi di selezione (a partire dalle primarie del centro-sinistra e del M5s), ai tassi di ricambio, alle caratteristiche socio-demografiche, alle precedenti attività professionali e politiche dei consiglieri regionali eletti, confrontandoli con le precedenti legislature regionali. L’elezione del novembre 2014 ha rappresentato una occasione di rinnovamento e discontinuità per il ceto politico calabrese o l’ennesima occasione perduta? A fronte del mutamento della legge elettorale e nel quadro di una competizione che si presentava quadripolare mutano o no le caratteristiche degli eletti /e?

 

Panel 4.3 Dalle elezioni alle istituzioni regionali: come cambia la classe politica regionale? -Panel congiunto con Studi regionali e politiche locali- (II)


Il grande cambiamento politico e istituzionale che ha investito l’Italia negli anni Novanta ha avuto un impatto anche a livello regionale. Infatti, abbiamo assistito alla trasformazione delle istituzioni regionali dovuta al cambiamento delle regole del gioco volte a ridisegnare le modalità di selezione (Chiaramonte, D’Alimonte 2000; Chiaramonte, Barbieri 2007) e a ridefinire alcune delle funzioni degli organi regionali (Vandelli, Bassanini 2012). Inoltre, rilevanti trasformazioni hanno riguardato anche i sistemi di partito regionali che hanno portato a una mappatura almeno in parte inedita delle forze politiche presenti sul territorio (Vassallo, Baldini 2000; Diamanti 2003). A fronte di queste innovazioni sia di ingegneria costituzionale che politiche in senso stretto è lecito chiedersi se siano cambiati anche gli uomini e le donne che formano i Consigli e le Giunte regionali e se ci siano delle differenze o delle continuità tra la classe politica regionale in carica dagli anni Settanta alla prima metà degli anni Novanta (dalla I alla V legislatura) rispetto alla successiva (dalla VI alla X legislatura). Per rispondere a questi interrogativi è possibile servirsi di una duplice lente di analisi, da un lato quella relativa alle trasformazioni di breve periodo che derivano dalle dinamiche e dagli esiti delle competizioni elettorali su scala regionale, dall’altro quella che si focalizza sul cambiamento di lungo periodo che riguarda le trasformazioni relative all’accesso, alla circolazione e al ricambio della classe politica regionale dal 1970 in poi. Il panel si propone di mettere insieme le due prospettive, analizzando anzitutto le dinamiche e gli esiti delle elezioni regionali, con particolare interesse sul ciclo 2014-2015. Saranno, quindi, oggetto di interesse paper di singoli casi o studi comparati che riguardano la riconfigurazione dell’offerta politica; le caratteristiche e i temi della campagna elettorale; i meccanismi di selezione delle candidature e di costruzione delle alleanze; i processi di formazione delle Giunte. La seconda prospettiva, invece, si focalizza sulle caratteristiche della classe politica regionale sia in prospettiva diacronica che sincronica per capire se la Regione rappresenti lo sbocco politico-istituzionale di un ceto politico maturato a livello-locale, sia all’interno dei partiti, sia all’interno delle istituzioni sub regionali come dimostrerebbero le più recenti ricerche (Vassallo 2013; Bardi, Ignazi, Massari 2013). E qui saranno oggetto di particolare interesse paper di singoli casi o studi comparati che riguardano il problema del ricambio e quello delle carriere istituzionali e partitiche dei consiglieri e degli assessori regionali.

Chairs: Maurizio Cerruto, Selena Grimaldi

Discussants: Francesco Raniolo

Elezioni regionali e Movimento Cinque Stelle: consenso, ceto politico e meccanismi di selezione delle candidature
Lucia Montesanti (lucia.montesanti@unical.it), Francesca Veltri (francesca.veltri@unical.it)
AbstractIl sistema politico ed istituzionale italiano ha conosciuto negli ultimi anni delle profonde trasformazioni, che hanno interessato tutti i livelli, compreso quello regionale, coinvolgendone i diversi aspetti: norme elettorali, criteri di selezione delle candidature, attori e partiti politici in gioco, dinamiche di consenso (Chiaramonte, Tarli Barbieri 2007; Diamanti 2013). In questo contesto ha avuto particolare rilievo la comparsa sulla scena del Movimento Cinque Stelle (M5s), una nuova formazione politica nata nel 2009, che ha come co-fondatori l’attore-comico Beppe Grillo e l’imprenditore Gianroberto Casaleggio. Le sue caratteristiche lo differenziano fin da subito dalle altre forze partitiche, sia da un punto di vista strutturale-organizzativo che comunicativo (Corbetta Gualmini 2013; Dal Lago 2013), presentando dei contenuti che rimandano ad aspetti classici del populismo (Tarchi 2014) declinati in chiave digitale (Santoro 2012) e incentrati intorno al ruolo del “capo politico” (Bordignon 2014). La presenza del M5s ha modificato nel giro di pochi anni le dinamiche e gli esiti delle competizioni elettorali sia nazionali che locali (Biorcio 2013). L’intento del paper è di capire come questa forza politica abbia inciso sulla riconfigurazione dell’offerta politica in ambito regionale, dove essa si è messa in gioco per la prima volta nella primavera del 2010, anche se solo in un numero ridotto di regioni (Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto). A questo proposito prenderemo dapprima in esame il consenso ottenuto dal Movimento Cinque Stelle alle consultazioni elettorali regionali, avvenute fra il 2010 ed il 2015, confrontandolo con i risultati delle elezioni politiche ed europee. Inoltre, cercheremo di capire quanto su di esso abbia influito la volontà dei co-fondatori di de-territorializzare la propria organizzazione, evitando la formazione di qualsiasi tipo di coordinamento regionale. Successivamente, analizzeremo i meccanismi di selezione delle candidature e le principali caratteristiche socio-anagrafiche del ceto politico regionale del M5s. Quest’ultime verranno comparate con quelle degli eletti degli altri partiti nel corso della medesima tornata elettorale, per evidenziarne eventuali comunanze e divergenze.

Candidati, eletti e temi del M5S in Toscana: una nuova offerta politica regionale
Luca Pighini (luca.pighini@unifi.it)
AbstractLe elezioni amministrative del 2014 rafforzano significativamente la presenza del M5S nei comuni toscani con l’ingresso di più di 150 consiglieri comunali e la conquista dell’amministrazione di Livorno. A livello nazionale, nell’autunno 2014 scoppiano dissidi interni che portano all’uscita di numerosi amministratori e attivisti toscani. Nonostante le defezioni, il M5S riesce a gestire la conflittualità interna ed elabora la sua proposta per la campagna elettorale regionale. Il paper si propone di ricostruire l’offerta politica del M5S nelle elezioni regionali del 2015 in Toscana. In particolare, cerca di approfondire il processo di selezione, le caratteristiche dei candidati regionali, i principali temi della campagna elettorale e l’esito elettorale. Quali sono i territori dove il M5S si è radicato maggiormente? Quale profilo hanno gli eletti? Quali istanze politiche esprimono? Il contributo si basa sul materiale raccolto sulla rete, la rassegna stampa, l’osservazione di iniziative pubbliche ed interviste in profondità a candidati ed eletti del M5S.

Il Voto Sotto Esame. Analisi delle elezioni regionali del Veneto
Marco Almagisti (marco.almagisti@unipd.it), Nicola Scarnera (nicola.scarnera@live.it), Alberto Stefanelli (alberto.stefanelli.main@gmail.com)
AbstractQuali sono state le peculiarità elettorali di una regione ricca e variegata come il Veneto in un contesto, locale e nazionale, attraversato da una profonda mutazione dei soggetti politici (partiti, leader, copri intermedi...) coinvolti? L'obiettivo è stato quello di analizzare l'intera campagna elettorale regionale grazie alla collaborazione tra il Centro Interdipartimentale di Ricerca sul Nord Est (Cirn) “Giorgio Lago” dell' Università di Padova e il Corriere del Veneto (RCS). Questo meta-progetto, unico nel suo genere in Italia, ha analizzato tutte le fasi delle elezioni regionali del Veneto avvalendosi, da un lato, del lavoro di ricerca e raccolta dati di circa una cinquantina di studenti della Scuola di Economia e Scienze Politiche, dall'altro, delle competenze settoriali e degli strumenti editoriali del Corriere del Veneto. Questo approccio ci ha consentito di sfruttare la rapidità e la flessibilità del medium giornalistico senza rinunciare ad un'analisi strutturata e approfondita in grado di rivolgersi non solo agli “addetti al lavori” ma anche agli elettori e ai soggetti interessati alla tematiche elettorale. Una prima fase del progetto ha coperto l'intera durata della campagna elettorale, partendo dalle primarie (del PD) fino all'election day, seguendone giorno dopo giorno lo sviluppo, sia sui social che sul territorio, e analizzandola secondo quattro macro-aree di ricerca: verifica della veridicità delle affermazioni pubbliche dei candidati (fact checking); monitoraggio della comunicazione dei candidati con particolare attenzione ai social media e agli aspetti linguistici; analisi degli scambi e rapporti tra il Veneto e l’estero, denominata “Il Veneto oltre il Veneto” e analisi della sostenibilità e degli aspetti economici della campagna elettorale. Un secondo momento, prettamente post-elettorale, ha analizzato la formazione degli orientamenti e le scelte di voto confrontandoli con le passate elezioni regionali venete (2010) prendendo in considerazione i mutamenti dell' orientamento di voto nei vari distretti industriali regionali. Alcune variabili di analisi sono state: l'utilizzo del voto di preferenza nel contesto della nuova legge elettorale, che impone la parità di genere di lista, la partecipazione elettorale dal 1970 ad oggi (su base provinciale) e la composizione del nuovo consiglio regionale.

 
© 2015 Società italiana Scienza Politica   Convegno 2015 - Arcavacata di Rende (Cosenza), 10-11-12 settembre 2015 - segreteria@sisp.it     powered by