Sections and Panels

Section 8. Relazioni internazionali (International Relations)

Chairs: Marco Clementi, Barbara Pisciotta

Contemporary conflict patterns are challenging conventional knowledge on security. On the one hand, asymmetric conflicts within states and between states clearly show the ever growing relevance of non state actors. In this regard, state sovereignty is under double siege. First, it is eroded by threats that do not have territorial nature such as transnational terrorism, organized crime, environmental threats, and, also, migration flows and human rights violations resulting from regional instability and regional crises. Second, state sovereignty is undermined by the proliferation of failing political institutions in several states; and the privatization of force in many others, including stable and well developed democracies. On the other hand, energy and natural resources are becoming more and more important both in economic and strategic terms, also thanks to the growth of emerging powers. In this respect, growing international competition on static resources seem to renew the political meaning and stakes of territorial control. Moreover, deepening regionalization trends and the revival of nationalism in several areas of the system are increasing the relevance of local and regional dynamics, thereby giving new momentum to territorially bound and/or related factors. All in all, it seems that the study of contemporary international politics could take benefit from focusing on how politics and territory are mutually related; and, on the distinctive features this relationship takes in various regional settings. As a consequence, the section promotes panels for the study of the security dimensions of the changing relationship between politics and territory in various regional settings. The section welcomes both panels devoted to study the specific characteristics of contemporary conflict patterns; and, the specific characteristics of national, regional and global strategies of conflict management. Both theoretical and research panels are welcome. ******************************************************** Le dinamiche conflittuali che attraversano la politica internazionale pongono nuovamente all’attenzione degli studiosi il problema impellente della sicurezza e delle sue peculiarità contemporanee. Da un lato, la natura asimmetrica dei conflitti che si combattono “dentro” gli stati e “fra” gli stati conferma il ruolo sempre più rilevante che stanno assumendo i soggetti non statali nel ricorso alla violenza. Si sta infatti configurando una situazione estremamente complessa nella quale la sovranità statale è minacciata da due fronti opposti: da un lato i rischi connessi al terrorismo, alla criminalità organizzata, all’ambiente, ai diritti umani, alla salute che interessano tutti gli stati; dall’altra le conseguenze che, in determinanti contesti regionali, la debolezza dello stato, la fragilità dei confini e l’assenza di un unico centro di potere in grado di monopolizzare la forza a livello nazionale producono sulla fisionomia, sulla durata e sull’evoluzione della maggior parte dei conflitti tuttora in corso. Dall’altro lato, anche a seguito dei processi di sviluppo di molti paesi periferici, si sperimenta la rilevanza crescente delle risorse naturali ed energetiche, in chiave sia strategica sia economica. Ciò sembra ridare centralità alle risorse statiche e quindi alla dimensione territoriale delle contese internazionali. Inoltre, l’assenza di una chiara cifra strategica unitaria nel sistema internazionale rende più complessa e incerta che nel passato l’interazione fra le diverse aree geografiche e regionali, dando un nuovo spazio alle dinamiche locali e, quindi, territoriali. Per entrambe le vie, sembra che la riflessione internazionalistica debba nuovamente interrogarsi sul rapporto che lega la politica e il territorio, ponendo una speciale attenzione alle peculiarità che tale rapporto può assumere nei diversi contesti regionali. In questa prospettiva, il mancato consolidamento degli stati nell’area medio-orientale, asiatica, africana ed est-europea impone un’attenta riflessione non solo sulle caratteristiche che i conflitti intra-statali assumono o potranno assumere nel medio e nel lungo periodo, ma anche sulle modalità di gestione della sicurezza a livello nazionale, regionale e globale, sulle caratteristiche dei contesti regionali coinvolti e sui margini di cui dispone o può disporre la cooperazione. Sulla base di queste premesse, la sezione di relazioni internazionali vuole rappresentare una base di discussione e approfondimento, sia sul piano teorico sia sul piano empirico, sulle principali tematiche afferenti la politica internazionale contemporanea.
 

Panel 8.1 War and Democracy at the EU Eastern Borderline


With the end of the Cold War, the European Union (EU) started to promote democracy in former Soviet countries and became a political and economic attraction pole for these countries, without creating significant tensions with Russia and/or violent uprisings inside these countries. Since the mid-2000s, and most remarkably during the last two years, EU foreign policy in former Soviet countries started to collide with a renewed Russian ambition to control its former area of influence. This dramatic change in domestic and international politics at the EU Eastern borders redefines many research questions on democratization in the former Soviet countries and on the impact of EU foreign policy and EU-Russia relationship on these countries. The proposed workshop aims at critically analyse the relationship between violence or threats of war and democratization in European and Caucasian former Soviet republics. Will democratization proceed or retreat in those countries – Belarus, Moldova, Ukraine and the Caucasian republics – subject to both EU and Russian leverage? What role is violence playing in determining the political evolution of the region? Does ethno-political separatism represent a further challenge for the countries affected by this phenomenon and for the EU? How do tensions between Russia and its former Soviet countries shape its relations with the EU? How are the former Soviet countries reacting to the renovated Russian hegemonic plans? Will economic sanctions and oil price collapse contribute to soften tensions in the area? These issues of domestic and international politics should be tackled as connected political matters, trying to cross boundaries between Comparative and International Politics and showing what the internal/external interactions are. Papers should take the form of: 1) theoretical studies on the international dimension of post-Soviet democratization, 2) single case studies of countries and/or territories directly affected by the evolution of EU and Russia influence in the area, 3) comparative studies on the role played by the EU and Russia in generating tensions and war, 4) specific contributions on Russian foreign policy and EU-Russia interactions in the post-Soviet area.

Chairs: Elena Baracani, Roberto Di Quirico

Discussants: Roberto Di Quirico

EU external governance and policy patterns in Ukraine: path dependence as failed Europeanization?
Gunter Walzenbach (gunter.walzenbach@uwe.ac.uk)
AbstractThis paper questions several of the assumptions standing behind the workings of the EU’s Eastern Partnership, and the European Neighbourhood Policy more generally. For this purpose it looks into a historically decisive phase of Ukrainian politics when EU external governance attempts confronted for the first time key political actors in the domestic system. An empirical statistical analysis for a range of socio-economic indicators suggests that the subsequent change in the political leadership in Ukraine did not generate policy change to a degree necessary that could be considered conducive to the further ‘Europeanisation’ of the country. Therefore, the current and ongoing crisis situation in Ukraine is rooted in much earlier failings of the ‘Orange revolution’ to transform domestic politics along a forward looking democratisation path. Specifically changes in voting behaviour around presidential elections appear to be driven much more by traditional notions of territory rather than a genuine Europeanization agenda. The paper concludes by highlighting structural features of the Ukrainian polity showing significant resilience to the external ‘steering’ of reform attempts.

South Ossetia’s war between Russia,Turkey and Europe. A model for regional cooperation and security
Alessia Chiriatti (alessia.chiriatti@gmail.com )
AbstractThe fight between the influential players for keeping authority in the South Caucasus region is taken back in the times of the Soviet Union. The changes occurred in the political map of the world in last two decades have underlined and stressed the increasing significance of the region in respect of transit for several reasons, firstly economic and related to the energetic resources, and secondly for the instances of independence of the minority groups present in the region itself. In this contest, the role of Turkey has been fundamental in different steps: starting since the initiatives of Süleyman Demirel, the arrival of the Justice and Development Party (AKP) to the government’s second term in office (July 2007) coincided with a more accentuated Turkish soft power in a region extended from the Balkans to the Caucasus, and from the Middle East to the Horn of Africa. Especially after the war in 2008 between Georgia and Russia for the South Ossetia, Ankara immediately started to reply to the request for security in pro--‐active terms: in the contest of the “zero--‐problems with neighbors”, the “rhythmic diplomacy” found its application, proposing the establishment of a “Caucasus Stability and Cooperation Platform”. From the Georgian point of view, it has been widely understood that the power vacuum and the protracted conflicts put stability at risk. From the other side, after the Helsinki Final Act, EU’s role in the region has gradually reduced. In this paper, the author will discuss the pro--‐active Turkish foreign policy in Georgia after the 2008 war in South Ossetia, by focusing also on the reasons and on the leverage of the Russian and the European policy in the region. Essentially, the paper seeks to present the limitations and the opportunities of the initiative emerged through the regional cooperation between the states involved in the region.

How can Europe promote a more peaceful neighbourhood?
Giovanna De Maio (giovanna.demaio89@gmail.com)
AbstractIn the aftermath of the Arab spring and the crisis in Ukraine, it's time for a critical reflection on the European neighbourhood policy and its role in promoting a peaceful neighbourhood. Among the most significant challenges the European Union (EU) is facing at the moment, what is probably the most prominent bench test for the future of the EU external action is coping with the crisis in Ukraine. If the EU wants to gain more credibility on the international stage, it will have to seize the opportunity to make meaningful steps forward. The Eastern Partnership (EaP) is a significant part of the EU external action aimed at ensuring good relations with its post--‐Soviet neighbourhood. The mistake the EU should avoid making is to consider those states as a single political reality, expecting them to comply with the standards of the DCFTAs. Moreover, the EU should deal with the fragilities of its eastern neighbourhood and invest in state building so that those states will be able in the future to meet the features to be a valuable partner for the EU. The EU’s strategy towards the eastern neighbourhood cannot be detached from its approach towards Russia. One possible solution, which entails several political costs, is diplomatic engagement of EU towards Russia targeted to fostering regional cooperation. Another option is pushing Russia to face the contradiction of the Eurasian Union. This is a flawed project, which could turn into the EU’s best chance to re--‐engage with Russia: dealing with the Eurasian Union means recognizing Russia’s right to pursue its own integration process as well as its borders. Although it could seem as Russia’s victory, it would shift the completion on the economic field where Russia is unlikely to win as well as provide a diplomatic channel alternative to conducting negotiations solely with Vladimir Putin. Quoting the American politician Robert Strauss experienced in East--‐West policies “ when you dance with the bear you don’t quit when you are tired; you quit when the bear is tired” To date, the limited strategic impact of the CSDP highlights the difficulties at reaching consensus and makes the EU highly dependent on NATO. A convincing proposal to strengthen CSDP is that of a permanent structured cooperation in which a leading group of countries, on the model of the UN “coalition of the willing”. A better coordination focused on realistic targets inside the EU could empower its weight in decision--‐making within NATO enabling it to stand as a truly global actor. Some experts also argue that placing some European peace--‐keeping troops at the borders of Ukraine aiming at stopping the civil war would refrain Russia from continuing arming the rebels. Coping with the crisis in Ukraine is a priority issue for the EU in building more peaceful neighborhood. This requires a long--‐term approach aimed at working on state building and enforcing the rule of law while recognizing the differences of each EaP country. Secondly, restoring relations with Russia is an indispensible tool for cooperation in securing the neighbourhood. Lastly, what is desirable for the EU in order to stand as a truly global actor is a permanent structured cooperation on defense that would empower its role within NATO.

 

Panel 8.2 The American Foreign Policy Midst Global Interests and Regional Dilemmas (I)


The role of the US is one of the most intriguing issues in the study of the contemporary international system. The unprecedented power concentration that followed the end of the Cold War increased both the likelihood that US behaviors influence system outcomes; and, the freedom of choice in American foreign policy. The difficult match between a greater room of manoeuvre and the increased responsibility deriving from the loneliness of primacy has been but complicated by the distinctive features of contemporary conflict patterns and processes of strategic and economic regionalization. The unusually high number of official strategic documents the various Administrations issued after 1989 shows how difficult the definition of a clear and steady role has been for the US. The uncertainties related to the US role have nurtured several research puzzles. Just to make a few instances, it has been debated whether the American hegemony is stable or what are the possible causes and pace of its decline. In connection to this, the structural transformation of the system has been at stake, leading scholars to question the features of the multipolar (or bipolar) world to come; and, the place of America in the coming international (dis-)order. A core concern has also been what kind of balance among the different regional priorities the US has struck to pursue a strategy of global influence. The panel is dedicated to study and debate the factors of contemporary American foreign policy; and, how it deals with the regional security dilemmas the US has to tackle in order to exercise a global role. Papers could take the form of theoretical or research studies on: 1) the factors of US foreign policy after 1989; 2) the evolution of US-centered alliances; 3) the special relations the US has developed with specific regional powers; 4) how the US political and military posture is influencing regional challengers and regional security dilemmas. Both single and comparative studies are welcome.

Chairs: Marco Clementi, Barbara Pisciotta

Discussants: Marco Clementi

A new type of great power relations? The United States, China and the process of regionalization in the Asia Pacific region
Matteo Dian (matteo.dian2@unibo.it)
AbstractThe Asia Pacific region is currently characterized by two parallel but related trends: a power shift and an order transition. On the one hand, the preponderance of the United States has been eroded by the resurgence of China and by a widespread diffusion of economic and military power. On the other hand, the region itself is facing a progressive redefinitions of the normative and institutional structure underpinning the regional order. These trends generate a broad competition for power and influence between China and the United States. Firstly, the United States and China compete on how to geographically define the region: Washington aims at consolidating a form of Pacific-wide regionalism in which the United States maintain their role of “system maker” able to dictate rules and norms of regional integration. Beijing, in turn, aims at edifying a more restricted East Asian region, built around a renewed Chinese centrality. The first scenario foresees the enduring capacity of the United States to provide public goods and to shape rules and norms of the process of regionalization. As a consequence a Pacific wide integration would be based on the reaffirmation of the role of existing global institutions as well as Pacific-wide institutions such as APEC and the TPP. The alternative is a Sino-centric model based on state capitalism, on China-centred international institutions and a growing Chinese capacity to provide public goods, such as an internationalized reserve currency and lending of last resort. The paper analyzes the strategy promoted by the Obama administration aimed maintaining the US hegemony in the Asia Pacific region, looking in particular at the normative and institutional foundations of the regional order.

Attori interni e politica estera cubana degli Stati Uniti d'America nel XXI secolo
Canberk Koçak (canberkck@gmail.com)
AbstractL'amministrazione Bill Clinton, con la sua Trade Sanction Reform and Export Enhancement Act (TSRA) del 2000 non solo ha aperto un nuovo - anche se modesto - cammino circa le relazioni commerciali con Cuba, ma ha anche confermato la caduta del livello di influenza della lobby cubano-americana. Nonostante abbia provato a svolgere un ruolo attivo nell'amministrazione di George W. Bush nella determinazione della politica estera nei confronti di Cuba, questo gruppo di interesse ha incontrato grandi difficoltà nell'opporre resistenza agli altri attori locali pro-normalizzazione come Camera di Commercio degli Stati Uniti, Farm Bureau, parte dei membri del Congresso e Casa Bianca durante l'amministrazione di Barack Obama. Questa relazione ha come obiettivo l'analisi dell'influenza delle pressioni interne – gruppi di interesse, potere legislativo e esecutivo – nell'evoluzione della politica estera americana nei confronti di Cuba nel XXI secolo, senza sottovalutare l'appoggio crescente per una normalizzazione tra i due paesi a livello regionale e internazionale.

Between the “Isness” of Interests and the “Oughtness” of Values – President Obama’s Foreign Policy with Respect to Human Rights
Gergana Tzvetkova (g.tzvetkova@sssup.it)
AbstractThe objective of this paper is to investigate the place of the concept of human rights in the foreign policy of the United States of America (USA) during the two terms of President Barack Obama. We believe such an examination is necessary in view of the existing and emerging global challenges that increasingly include and refer to human rights. This paper stems from my PhD research that compares how the EU and the US integrate human rights in their counter-piracy policies. Following the constructivist approach to international relations and foreign policy analysis, the contribution seeks to question whether and how human rights were present in the formulation and implementation of US foreign policy during the specified time period. I argue that human rights were present in the rhetoric of the Obama administration vis a vis foreign policy as specific values but the domestic and international political realities presented few examples of actual, immediate promotion of human rights and prevention of their violations. I propose that the reason might be found in the inherent difficulty to connect human rights with national interests; instead they continue to flourish mostly in the abstract area of values. Consequently, the Obama administration has done a lot to draw the outlines of the “Oughtness” but a little of it was translated into “Isness.” The method used in the course of the research is discourse analysis of official documents and speeches that were central to Obama’s presidency.

 

Panel 8.2 The American Foreign Policy Midst Global Interests and Regional Dilemmas (II)


The role of the US is one of the most intriguing issues in the study of the contemporary international system. The unprecedented power concentration that followed the end of the Cold War increased both the likelihood that US behaviors influence system outcomes; and, the freedom of choice in American foreign policy. The difficult match between a greater room of manoeuvre and the increased responsibility deriving from the loneliness of primacy has been but complicated by the distinctive features of contemporary conflict patterns and processes of strategic and economic regionalization. The unusually high number of official strategic documents the various Administrations issued after 1989 shows how difficult the definition of a clear and steady role has been for the US. The uncertainties related to the US role have nurtured several research puzzles. Just to make a few instances, it has been debated whether the American hegemony is stable or what are the possible causes and pace of its decline. In connection to this, the structural transformation of the system has been at stake, leading scholars to question the features of the multipolar (or bipolar) world to come; and, the place of America in the coming international (dis-)order. A core concern has also been what kind of balance among the different regional priorities the US has struck to pursue a strategy of global influence. The panel is dedicated to study and debate the factors of contemporary American foreign policy; and, how it deals with the regional security dilemmas the US has to tackle in order to exercise a global role. Papers could take the form of theoretical or research studies on: 1) the factors of US foreign policy after 1989; 2) the evolution of US-centered alliances; 3) the special relations the US has developed with specific regional powers; 4) how the US political and military posture is influencing regional challengers and regional security dilemmas. Both single and comparative studies are welcome.

Chairs: Marco Clementi, Barbara Pisciotta

Discussants: Stefano Ruzza

Israel, ISIS and the Iran nuclear deal: the comeback of foreign politics in the 2016 American presidential elections?
Marco Morini (marco.morini@gmail.com)
AbstractMiddle East seems to be once again at the center of US foreign politics. And this time, starting from the Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu’s controversial address to a joint session of Congress and continuing with the long-debated Iran nuclear deal and a possible American intervention against Isis, it might finally be a crucial theme for the 2016 American presidential campaign. American foreign policy appears to be the most divisive issue on the field and for the Republican candidates is a prime opportunity to take swipes at the Democrats. This paper focuses on the influence of foreign policy in American elections, contextualizing the current debate within the history of past campaigns. It also evaluates foreign policy platforms of actual and potential 2016 presidential candidates. Eventually, reflecting upon the DW-nominate scores for the 113th American Congress, this research also shows how the current ideological polarization might affect the passing of future pieces of legislation concerning foreign affairs.

A Tale of Two Jihads: Comparing al-Qaeda and ISIS Discourse and Strategy
Maria do Céu Pinto Arena (mceupinto@gmail.com)
AbstractThe Islamic State of Iraq and al-Sham(ISIS), widely known as the Islamic State, has supplanted al-Qaeda as the jihadist threat of greatest concern. ISIS’ ideology, rhetoric, and long-term goals are similar to al-Qaeda’s, and the two groups were once formally allied. However, the two are now competing for more than the leadership of the jihadist movement - they are competing for its essence. The dispute is more than just a fight for power within the jihadist movement. The two organizations differ fundamentally on whom they see as their main enemy, on several Islamic doctrinal issues, which strategies and tactics to use in attacking that enemy, and which social issues and other concerns to emphasize. Al-Qaeda privileges large scale, dramatic terrorist attacks, while ISIS is focused on territorial conquest. The Islamic State requires territory to remain legitimate, and a top-down structure to rule it. ISIS is indeed a pseudo-state led with a conventional army. It boasts tens of thousands of fighters, holds a large territory in both Iraq and Syria, maintains extensive military capabilities, commands infrastructure and funds itself. The narrative sculpted by ISIS rests heavily on the ability to govern Muslims under the Caliphate it has proclaimed - a novelty in the history of jihadist groups with implications for the wider Muslim world. The aims of this paper are to compare and contrast the core al-Qaeda discourse, strategies and tactics with those of ISIS and, secondly, how they will play itself out as regards the supremacy of the Global Jihadist Movement.

Transnational war in Syria: The Eisenhower Doctrine in the 21st century?
Jörg Michael Dostal (dostalsnu@gmail.com)
AbstractStarting with a brief review of the history of US-Syrian relations, the paper analyses the current conflict in Syria since March 2011. The point of departure is the ongoing relevance of the Eisenhower Doctrine for US efforts to exercise hegemony in the Middle East based on regional alliances with Israel and Arab client states. In this context, the Syrian conflict has local (intra-Syrian), regional (Arab and Iranian) and global dimensions. Adopting a broadly realist framework, the paper aims to explain the element of continuity in US regional strategy in the Middle East. Finally, the paper elaborates on what kind of outcome might be acceptable for the US and the other powers contesting in Syria and the region.

 

Panel 8.3 Intelligence ed evoluzione della minaccia terroristica (I)


Sin dall'11 settembre 2001, il terrorismo è entrato nella quotidianità dalla società civile, facendo largo alla “sindrome della paura”. Oggi, a poco meno di quindici anni dall’evento che ha segnato il passaggio dal “secolo breve” all'era del “terrore in casa nostra”, nuove minacce avanzano sempre più violente. Lo Stato Islamico (IS o ISIS) ed altri gruppi terroristici compiono atti destabilizzanti, unendo vecchie e nuove pratiche di attacco. Ai classici strumenti del terrore (rapimenti, esecuzioni e distruzione di simboli) si affiancano nuove tecniche utilizzate perlopiù contro le società altamente informatizzate occidentali. Il nuovo terreno di scontro è oggi il cyberspace, dominio per eccellenza asimmetrico e in-governato, dal quale si diffondono attacchi cibernetici verso obiettivi nazionali sensibili. Allo stesso tempo il web è utilizzato come cassa di risonanza ai fini della propaganda terroristica, così come, la rete diventa il luogo ideale per la radicalizzazione e il reclutamento di aspiranti terroristi, nonché il veicolo di comunicazioni cifrate tra membri dei gruppi e simpatizzanti. Il panel “Intelligence ed evoluzione della minaccia terroristica” affronterà la problematica con l'approccio empirico e interdisciplinare, confrontando dati, indicatori, teorie e case studies. La call for papers sarà, infatti, rivolta a studiosi ed esperti del settore, nonché a tecnici, in modo da integrare gli approcci accademici con l'aspetto operativo ed esperienze pratiche, in una trattazione olistica non meramente teorica. Si invita a trattare temi quali: geopolitica e geostrategia dei gruppi terroristici; l'evoluzione della minaccia terroristica dall'11 settembre alla morte di Osama Bin Laden; la minaccia terroristica ai giorni nostri; l'evoluzione di nuovi gruppi terroristici e delle modalità di reclutamento di esecutori e “martiri”; l’analisi comparata fra Al Qaeda e Daesh (Ad dawla al islamiya fi 'Iraq wa Shem); l'evoluzione delle strategie del terrore; la relazione tra minaccia terroristica ed instabilità economico-sociale; la relazione tra terrorismo e spazio cibernetico; l’importanza di un approccio globale alla sicurezza che tenga conto anche delle minacce provenienti dallo spazio cibernetico; le possibili misure di contrasto al terrorismo, con particolare riferimento al ruolo dell'intelligence; la cyber-intelligence; le tecniche di previsione, , così come lo studio dei foreign fighters e dei “lupi solitari"

Prolusione: Prevedere il terrorismo: indicatori e tecniche di analisi

Umberto Gori
(Professore emerito Università di Firenze)

 

Presentazione del libro: Intelligence per la difesa dell’interesse nazionale 
a cura di Umberto Gori e Luigi Martino,
Aracne Editrice.

Partecipanti: 
Umberto Gori, 
Marco Minniti (Invitato) (Senatore, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Autorità delegata per i Servizi di Informazione per la Sicurezza della Repubblica), 
Paolo Messa (formiche.net)

Chairs: Umberto Gori, Luigi Martino

Discussants: Paolo Messa , Domenico Marco Minniti

Prevedere il terrorismo: indicatori e tecniche di analisi
Umberto Gori (umberto.gori@unifi.it)
AbstractLa relazione vuole essere un invito, rivolto soprattutto ai colleghi più giovani, ad utilizzare nelle loro ricerche policy oriented gli strumenti analitici resi possibili delle scienze hard e dagli sviluppi dell’ICT, o comunque a intraprendere ricerche che li vedano coinvolti come cultori delle scienze sociali insieme ad esperti di matematica, statistica e informatica. I problemi del nostro tempo necessitano infatti di risposte basate su dati concreti con l’ausilio anche degli strumenti della Computational Social Science e delle matematiche applicabili alle scienze sociali. I temi trattati saranno i seguenti: 1) cenni sulla natura ed evoluzione del terrorismo di matrice radicale; 2) gli indicatori del terrorismo; 3) caos e complessità nelle relazioni internazionali; 4) la previsione scientifica; 5) alcune delle più promettenti tecniche di analisi. Seguendo quest’ordine, sarà fatta una distinzione fra terrorismo tellurico e terrorismo a-tellurico per passare poi ad una sintetica comparazione fra Al Qaeda e ISIS o Daesh e alla fattibilità di alcuni strumenti di contrasto. Il problema degli indicatori viene analizzato criticamente, anche sulla scorta di esperienze straniere. La necessità di contestualizzarli rende opportuno analizzare le relazioni internazionali secondo il nuovo paradigma della turbolenza che, fra l’altro, obbliga - a rigore - a utilizzare le matematiche del caos e della complessità. Nel paragrafo che tratta della previsione vengono considerati i vari tipi di analisi previsionale con particolare riferimento ai metodi teorici (affidabilità politica, utilità attesa, analisi degli sviluppi imprevisti) caratteristici della previsione politica e del terrorismo. Particolare risalto viene dato alla Computational Social Science (CSS), ai Big Data e alla logica fuzzy. Infine, si accenna brevemente ad altre tecniche analitiche ed euristiche fra le quali le reti neurali artificiali, il Data e Text Mining, un sistema algoritmico per la costruzione di scenari, la teoria matematica dei giochi, la teoria delle catastrofi e la previsione tramite le equazioni logistiche di Volterra-Lotka.

Una panoramica dei metodi matematici per l’analisi del terrorismo: lezioni dalla teoria dei sistemi complessi
Marco Marcovina (marco.marcovina.s@gmail.com), Bruno Pellero (bruno.pellero@pec.it)
Abstract.

 

Panel 8.3 Intelligence ed evoluzione della minaccia terroristica (II)


Sin dall'11 settembre 2001, il terrorismo è entrato nella quotidianità dalla società civile, facendo largo alla “sindrome della paura”. Oggi, a poco meno di quindici anni dall’evento che ha segnato il passaggio dal “secolo breve” all'era del “terrore in casa nostra”, nuove minacce avanzano sempre più violente. Lo Stato Islamico (IS o ISIS) ed altri gruppi terroristici compiono atti destabilizzanti, unendo vecchie e nuove pratiche di attacco. Ai classici strumenti del terrore (rapimenti, esecuzioni e distruzione di simboli) si affiancano nuove tecniche utilizzate perlopiù contro le società altamente informatizzate occidentali. Il nuovo terreno di scontro è oggi il cyberspace, dominio per eccellenza asimmetrico e in-governato, dal quale si diffondono attacchi cibernetici verso obiettivi nazionali sensibili. Allo stesso tempo il web è utilizzato come cassa di risonanza ai fini della propaganda terroristica, così come, la rete diventa il luogo ideale per la radicalizzazione e il reclutamento di aspiranti terroristi, nonché il veicolo di comunicazioni cifrate tra membri dei gruppi e simpatizzanti. Il panel “Intelligence ed evoluzione della minaccia terroristica” affronterà la problematica con l'approccio empirico e interdisciplinare, confrontando dati, indicatori, teorie e case studies. La call for papers sarà, infatti, rivolta a studiosi ed esperti del settore, nonché a tecnici, in modo da integrare gli approcci accademici con l'aspetto operativo ed esperienze pratiche, in una trattazione olistica non meramente teorica. Si invita a trattare temi quali: geopolitica e geostrategia dei gruppi terroristici; l'evoluzione della minaccia terroristica dall'11 settembre alla morte di Osama Bin Laden; la minaccia terroristica ai giorni nostri; l'evoluzione di nuovi gruppi terroristici e delle modalità di reclutamento di esecutori e “martiri”; l’analisi comparata fra Al Qaeda e Daesh (Ad dawla al islamiya fi 'Iraq wa Shem); l'evoluzione delle strategie del terrore; la relazione tra minaccia terroristica ed instabilità economico-sociale; la relazione tra terrorismo e spazio cibernetico; l’importanza di un approccio globale alla sicurezza che tenga conto anche delle minacce provenienti dallo spazio cibernetico; le possibili misure di contrasto al terrorismo, con particolare riferimento al ruolo dell'intelligence; la cyber-intelligence; le tecniche di previsione, , così come lo studio dei foreign fighters e dei “lupi solitari"

Chairs: Umberto Gori, Luigi Martino

Discussants: Luigi Ramponi

La minaccia terroristica nel cyberspazio: Virtual Human Intelligence e sicurezza nazionale
Luigi Martino (luigimartino.unifi@gmail.com), Samuele Foni (samuele.foni@gmail.com)
AbstractLo spazio cibernetico, pur essendo un vettore importante per lo sviluppo economico e sociale del XXI secolo rappresenta, allo stesso tempo, un luogo ideale per azioni che minacciano la sicurezza nazionale degli Stati. In particolare, il web è in grado di fornire un efficace livello di anonimato e garantisce una quasi totale impunità per criminali che si celano dietro una “seconda vita” virtuale per organizzare e compiere cyber crimini. Anche i gruppi terroristici, sfruttando sempre di più le “maglie larghe” del web, riescono a utilizzare i nuovi mezzi di comunicazione come strumenti di propaganda ai fini di reclutamento e proselitismo. Di fronte a queste minacce, gli Stati stanno sviluppando contromisure difensive per riuscire a contrastare i rischi provenienti dal mondo virtuale. Uno di questi strumenti è la virtual human intelligence che mira a prevenire le sfide cyber, adattando gli strumenti operativi classici della Humint con le nuove tecniche dell’ingegneria informatica. I paper, attraverso l’analisi comparata e tramite l’approccio multi-disciplinare delle scienze sociali e dell’ingegneria informatica, si propone di far emergere la crescente rilevanza assunta dalla Virtual-Humint come strumento utile ai Servizi di intelligence per contrastare la minaccia terroristica e garantire un adeguato livello la sicurezza nazionale.

Il metodo di “triplice lettura” quale contributo all’analisi della minaccia asimmetrica. I casi Syraq (Siria/Iraq) e Afghanistan
Claudio Bertolotti (claudio.bertolotti@outlook.it)
AbstractQuesto paper intende illustrare i risultati di una ricerca, tuttora in corso, che si pone (quale domanda della ricerca), l’obiettivo di descrivere gli effetti, diretti e indiretti, sui piani tattico, operativo e strategico degli attacchi suicidi e i risultati ottenuti attraverso l’impiego di una tecnica sempre più caratterizzante il contemporaneo campo di battaglia, asimmetrico e a-convenzionale. Nello specifico, si intende definire se l’“attacco suicida” sia una tecnica di successo o fallimentare, su ognuno dei tre piani succitati (tattico, operativo e strategico) e su quello mediatico nonché, attraverso l’introduzione del concetto di “stop-funzionale/operativo”, di valutarne gli effetti sulla condotta delle operazioni. Due gli elementi innovativi illustrati: 1. Il metodo di “triplice lettura” del fenomeno in esame, sviluppato attraverso un processo di compartimentazione dei dati disponibili, che consente di osservarne l’evoluzione da tre punti di osservazione differenti (categorie “Azioni”, “Eventi”, “Soggetti”) 2. Il database “B-ASA” (oltre 1200 casi raccolti e 38.000 dati informativi). Il contributo che questa ricerca ha potuto dare allo studio del fenomeno si basa principalmente sulla qualità e la quantità dei dati utilizzati e la categorizzazione e compartimentazione degli stessi. In estrema sintesi, il database “B-ASA”, offre un superiore e più adeguato processo di analisi rispetto a database open-source attualmente disponibili, con esplicito riferimento a WITS (Worldwide Incidents Tracking System) del National Counterterrorism Center (NCTC), del Chicago Project on Security and Terrorism (CPOST) e del Global Terrorism Database (GTD). I teatri operativi presi in esame sono l’Afghanistan, quale parametro di riferimento, e il Syraq (Siria e Iraq), quale elemento comparativo, in un arco temporale che va dal 2011 al 2015 (primo semestre) e tenendo in considerazione lo sviluppo del fenomeno in Afghanistan nel periodo 2001-2014. Fonti e metodologia Essendo la natura quantitativa della minaccia asimmetrica empiricamente osservabile e funzionale alla definizione dei suoi confini dimensionali, la ricerca si è spinta in questa direzione attraverso un processo di analisi quantitativa e comparativa dei dati primari e secondari disponibili (open source – OSINT – e “classificati” resi disponibili da Wikileaks). Le informazioni di differente provenienza e tipologia, scomposte, categorizzate ed elaborate, hanno contribuito a fornire una chiave di lettura più completa e ragionata dell’opposizione armata e dei risultati ottenuti sul cosiddetto “capo di battaglia”.

La riforma della CIA e il modello del Counterterrorism Center
Matteo Faini (mfaini@princeton.edu)
AbstractLa recente riforma annunciata dal direttore della Cia John Brennan fa del Counterterrorism Center il modello organizzativo per l’intera Cia, creando dieci mission centers in cui analisti ed operativi lavoreranno fianco a fianco. L’articolo descrive i vantaggi e gli svantaggi di questa riforma, specie il rischio che essa mini l’oggettività delle analisi della Cia stessa. La Cia potrebbe perdere la propria reputazione di oggettività e con essa la propria centralità nel processo di policy, ma l’Ufficio del Direttore dell’Intelligence Nazionale è pronto a prenderne il posto, con vantaggi per l’intera comunità d’intelligence americana.

From military teams to armed contractors: the privatization of Italian maritime security
Stefano Ruzza (stefano.ruzza@unito.it), Eugenio Cusumano (e.cusumano@hum.leidenuniv.nl)
AbstractIn the wake of the repeated attacks perpetrated against Italian-flagged vessels transiting offshore the Horn of Africa, the Italian government devised a hybrid, dual counter-piracy approach. Based mainly on the use of Navy Vessel Protection Detachments (VPDs) paid by ship owners, Law 130/2011 has also allowed for the use of Private Security Companies (PSCs) when VPDs are not available. Starting from March 2015, however, the use of VPDs has been suspended, and the resort to PSCs has become the sole option available aboard Italian vessels. This paper analyses the scope, phases, drivers and implications of this transition, assessing the interplay of factors such as threat perception, financial cost-effectiveness and the diplomatic and political considerations following the ‘Maro’ Affair’ in shaping the privatization of Italian maritime security policies.

 

Panel 8.3 Intelligence ed evoluzione della minaccia terroristica (III)


Sin dall'11 settembre 2001, il terrorismo è entrato nella quotidianità dalla società civile, facendo largo alla “sindrome della paura”. Oggi, a poco meno di quindici anni dall’evento che ha segnato il passaggio dal “secolo breve” all'era del “terrore in casa nostra”, nuove minacce avanzano sempre più violente. Lo Stato Islamico (IS o ISIS) ed altri gruppi terroristici compiono atti destabilizzanti, unendo vecchie e nuove pratiche di attacco. Ai classici strumenti del terrore (rapimenti, esecuzioni e distruzione di simboli) si affiancano nuove tecniche utilizzate perlopiù contro le società altamente informatizzate occidentali. Il nuovo terreno di scontro è oggi il cyberspace, dominio per eccellenza asimmetrico e in-governato, dal quale si diffondono attacchi cibernetici verso obiettivi nazionali sensibili. Allo stesso tempo il web è utilizzato come cassa di risonanza ai fini della propaganda terroristica, così come, la rete diventa il luogo ideale per la radicalizzazione e il reclutamento di aspiranti terroristi, nonché il veicolo di comunicazioni cifrate tra membri dei gruppi e simpatizzanti. Il panel “Intelligence ed evoluzione della minaccia terroristica” affronterà la problematica con l'approccio empirico e interdisciplinare, confrontando dati, indicatori, teorie e case studies. La call for papers sarà, infatti, rivolta a studiosi ed esperti del settore, nonché a tecnici, in modo da integrare gli approcci accademici con l'aspetto operativo ed esperienze pratiche, in una trattazione olistica non meramente teorica. Si invita a trattare temi quali: geopolitica e geostrategia dei gruppi terroristici; l'evoluzione della minaccia terroristica dall'11 settembre alla morte di Osama Bin Laden; la minaccia terroristica ai giorni nostri; l'evoluzione di nuovi gruppi terroristici e delle modalità di reclutamento di esecutori e “martiri”; l’analisi comparata fra Al Qaeda e Daesh (Ad dawla al islamiya fi 'Iraq wa Shem); l'evoluzione delle strategie del terrore; la relazione tra minaccia terroristica ed instabilità economico-sociale; la relazione tra terrorismo e spazio cibernetico; l’importanza di un approccio globale alla sicurezza che tenga conto anche delle minacce provenienti dallo spazio cibernetico; le possibili misure di contrasto al terrorismo, con particolare riferimento al ruolo dell'intelligence; la cyber-intelligence; le tecniche di previsione, , così come lo studio dei foreign fighters e dei “lupi solitari"

Chairs: Umberto Gori, Luigi Martino

Discussants: Mario Caligiuri

Crittografia e steganografia per contrasto alle attività terrosristiche.
Serena Lisi (web.editor@cssi.unifi.it )
AbstractIl paper illustrerà le principali tecniche di crittografia e steganografia, i metodi di codifica e decodifica applicati per operazioni difensive ed investigate nel contesto della lotta al terrorismo, in particolare di matrice islamica, ma anche di altra origine. Le nuove strategie del terrore, infatti, operano sempre più spesso attraverso un mix di azioni e simbologie tradizionali, come ad esempio la distruzione o la "presa in ostaggio" di simboli, e di nuove tecnologie, come ad esempio la trasmissione di messaggi in codice, sia gergale che propriamente elettronico, attraverso la cosiddetta quinta dimensione, cioè lo spazio cibernetico. In particolare, il web può essere utilizzato con un doppio scopo: quello di reclutare adepti, a livello locale e globale e quello di far passare velocemente e sotto silenzio informazioni "strategiche". Nel primo caso, i messaggi saranno aperti e, qualora ci siano codici, saranno codici gergali, cioè messaggi visibili a tutti ma pienamente comprensibili solo per chi parla un determinato linguaggio settario legato alla causa che il reclutamento promuove; ove vi siano altri tipi di codice essi saranno usati solo per rendere volatile il canale di comunicazione, come accade con i cosiddetti "siti farfalla", che cambiano url e posizione nella rete in modo da non poter essere rintracciati e chiusi. nel secondo caso, invece, le informazioni segrete saranno nascoste con le più disparate tecniche, artigianali o tecnologicamente sofisticate (ad esempio tramite la steganografia stereografica) e solo personale consapevole e preparato sarà in grado di intercettare correttamente ed in tempo utile i messaggi scambiati. Sarà, dunque, presentata una carrellata delle possibili tecniche di codifica e decodifica di dati e messaggi, nonché proposte operative per comunicare in maniera sicura nell'ambito delle operazioni di indagine e di difesa, cosicché gli operatori possano avere un doppio vantaggio strategico: la conoscenza di tecniche e messaggi dell'avversario, nonché la padronanza di metodi di comunicazione sicuri per poter condurre in piena discrezione le operazioni di investigazione e contrasto

Il ciclo intelligence nella rete:ricostruire e identificare la minaccia terroristica sul web
Carmine America (carmineamerica@gmail.com )
AbstractLa diffusione della minaccia terroristica sul web rappresenta uno dei fenomeni di maggiore allarme per le comunità intelligence nazionali; l’attenzione delle agenzie di sicurezza è concentrata nella raccolta informativa ‐ sia sul deep web che sul surface web ‐ e nella definizione di nuove pratiche di info sharing a livello internazionale. Il paper qui proposto vuole focalizzarsi sul ciclo intelligence e sulle applicazioni di quest’ultimo nel cyber‐space, considerate le finalità specifiche dell’attività terroristica in rete (proselitismo, disseminazione informazioni e disinformazione) e il valore peculiare del data mining, sia in termini semantici che in termini infrastrutturali. Più in particolare, si vuole affrontare il tema della classificazione delle discipline di intelligence gathering evidenziando la vaporosità della linea di demarcazione tra humint, osint e cybint/dnint e analizzando l’insieme dei fattori che complicano l’attività di raccolta informativa sul web per finalità di antiterrorismo. L’applicazione del ciclo intelligence all’universo cyber comporta, infatti, un adattamento delle tecniche di analisi e tale adattamento si traduce, a sua volta, nell’introduzione di nuovi strumenti di ricerca e disseminazione, tra cui le applicazioni del social media intelligence, la semantica e le tecniche di ingegneria sociale. Il paper proposto si concentrerà, quindi, sulla disamina delle tre attività operative sopra richiamate e vorrà offrire uno spunto di riflessione sulla peculiarità assoluta del controterrorismo nel cyber‐space. Al tempo stesso, il lavoro di ricerca sarà finalizzato a dimostrare che le singole fasi del ciclo intelligence possano essere proficuamente rimodulate e applicate in ambito cyber per il contrasto della minaccia terroristica.

Foreign Fighters, Terrorismo e l’Auspicato Rafforzamento della Condivisione d’Intelligence nell’Unione Europea
Matteo Bonfanti (m.bonfanti@sssup.it )
AbstractIl contributo proposto muove da una riflessione circa il consenso più volte reiterato dagli Stati membri dell’Unione Europea (UE) e riguardante la necessità di rafforzare la cooperazione d’intelligence tra di loro al fine di prevenire e contrastare la minaccia terroristica associata al fenomeno dei combattenti stranieri (foreign fighters). Secondo quanto espresso, maggiore è la condivisione di intelligence tra le competenti agenzie e i servizi di sicurezza degli Stati membri maggiore è la possibilità che le misure di prevenzione e contrasto da questi adottate siano efficaci. Tuttavia, tale manifestazione d’intenti deve necessariamente confrontarsi con l’endemica resistenza da parte degli Stati dell’UE ad organizzare e favorire, sul piano formale, la cooperazione coordinata di intelligence a livello europeo. Detta resistenza trova essenzialmente spiegazione nel loro “diritto naturale” a salvaguardare la sovranità e l’interesse nazionale in un ambito così sensibile quale è quello della cooperazione transfrontaliera d’intelligence. È inoltre motivata dalla mancanza di un uniforme livello di fiducia tra tutti gli Stati membri e le rispettive agenzie e servizi; fiducia che sembra essere ancora più carente quando tale cooperazione prevede la partecipazione di agenzie o organismi dell’UE. Quanto sopra evidenzia i principali limiti al tanto auspicato potenziamento della condivisione d’intelligence a livello europeo. Sembra però legittimo chiedersi se, oltre a tali limiti, vi siano ulteriori elementi o fattori che non favoriscono una cooperazione maggiormente rafforzata nel settore. Al fine di indagare la questione, il contributo proposto presenta ed esamina le modalità attraverso le quali l’Unione Europea e i suoi Stati membri condividono intelligence, tanto strategica quanto operativa, relativa al fenomeno dei combattenti stranieri. Dopo aver discusso i rilevanti profili di sicurezza del fenomeno e presentato il ruolo che la Comunità di Intelligence Europea svolge nel prevenire e contrastare la minaccia terroristica ad esso associata, il contributo esamina gli strumenti che possono essere impiegati dai servizi d’intelligence o dai reparti informativi delle autorità di polizia degli Stati membri al fine di produrre e, soprattutto, condividere conoscenza azionabile riguardante i foreign fighters, sia a livello bilaterale sia multilaterale. Esso, inoltre, analizza il ruolo e le responsabilità che determinate istituzioni, organismi o agenzie dell’Unione europea assumono nel settore. Seppur in modo limitato, il contributo tratta anche delle implicazioni di privacy e protezione dei dati che la cooperazione d’intelligence a livello europeo genera. Esso termina con la discussione delle criticità che l’indagine avrà permesso di riscontrare.

La risposta della Comunità internazionale al fenomeno dei Foreign Terrorist Fighters.
Antonino Alì (antonino.ali@unitn.it)
AbstractLa questione relativa alla partecipazione di combattenti stranieri (foreign fighters) nei conflitti più recenti così come in quelli più datati non è certamente nuova. Il tema ha acquistato particolare interesse in relazione all’evoluzione del conflitto in Siria e Iraq e, in particolare, all’evoluzione del gruppo jihadista che per semplicità viene chiamato Stato islamico. L’utilizzo di metodi di azione particolarmente cruenti e volti alla diffusione del terrore nella popolazione, nonché l’utilizzo di attacchi suicidi, ha fatto si che il fenomeno venisse ben presso inquadrato come terroristico e i suoi attori come foreign terrorist fighters (FTF). La minaccia posta da individui che viaggiano all’estero verso uno Stato nel quale non risiedono o del quale non sono cittadini, con il fine di pianificare, preparare, eseguire o sostenere attività terroristiche o di fornire o ricevere una formazione in questo senso, è stata ritenuta una questione degna di attenzione e rilevante sotto il piano della sicurezza internazionale e nazionale. Oggetto di questo intervento è l’analisi dell’azione delle Nazioni Unite con la risoluzione 2178 (2014), dell’Unione europea e del Consiglio d’Europa e l’azione di coordinamento svolta in altri consessi internazionali nella lotta al fenomeno dei foreign fighters. In particolare, verranno messe in luce e analizzate le difficoltà legate all’utilizzo della categoria dei foreign terrorist fighters e le criticità della risposta della Comunità internazionale in senso ampio.

 
© 2015 Società italiana Scienza Poltica   Convegno 2015 - Arcavacata di Rende (Cosenza), 10-11-12 settembre 2015 - segreteria@sisp.it     powered by